Acqua da un acquario

L'acqua ha compattezza e fluidità che consentono agli esseri acquatici di attraversarla in tutte le direzioni. D'altra parte, l'acqua rispetto all'aria ha un peso di 1.000 g/L. Questo peso specifico riduce gli effetti della gravità perché l'acqua stessa ha un supporto. Di conseguenza, l'acqua supporta ciò che porta e chiede solo al pesce gli sforzi minimi di muoversi e mantenersi al suo interno. Lo conduce nei suoi viaggi attraverso le correnti. Molti pesci nuotano, galleggiano, rimangono sospesi in acqua durante tutta la loro vita, senza mai entrare in contatto con il suolo.

organismi superiori che vivono in acqua (pesci, piante) trovano le condizioni essenziali per il loro sviluppo (calore, cibo disciolto, ossigeno, anidride carbonica). Tuttavia, queste organizzazioni beneficiano dell'indipendenza relativa dall'ambiente acquoso. In effetti, il loro ambiente interiore (sangue per animali, linfa per le piante) è spesso in lotta contro le imperfezioni nell'ambiente esterno (acqua dall'acquario) le cui guasti correggono e colma le lacune.

Per organismi più bassi e primitivi, con una struttura cellulare differenziata (infusioni, micro-alghe, vedovi, ecc.), L'ambiente acquatico è notevole importanza poiché questi organismi sono direttamente dipendenti. A volte le modifiche fisico-chimiche basse dell'ambiente esterno possono avere gravi conseguenze su di essi.

Le piante acquatiche hanno indipendenza e quindi una stanza per l'adattamento al mezzo acquoso inferiore a quello del pesce, ma maggiore di quello degli organismi primitivi. Inoltre, le loro facoltà di adattamento all'ambiente esterno dipendono dalle loro forze di costituzione (giovani piante, piante appena trapiantate, ecc.). Le piante sono generalmente meno sensibili a un eccesso di materiali di dissoluzione in acqua rispetto a una carenza in alcuni di questi materiali, in particolare elementi in tracce e anidride carbonica.

nozioni fisico-chimiche

I fattori fisico-chimici che condizionano la natura dell'acqua sono TH, TAC, nitrati, pH, anidride carbonica e HR . Va anche notato la presenza essenziale nell'acqua degli elementi in traccia, in particolare il ferro che risulta essere utile sia per animali che per le piante.

- Th (titolo idrotimetrico) o durezza totale. Questo costituente, chiamato GH (Gesamt-Härte) in tedesco, corrisponde alla somma degli ioni alcalini-aterro disciolti nell'acqua. La maggior parte di essi sono ioni di calcio e magnesio. Da un punto di vista di misurazione: 1 ° TH corrisponde a un contenuto di 10 mg/L di carbonato di calcio e magnesio. La tolleranza del pesce per quanto riguarda questo è piuttosto grande, mentre le piante sono piuttosto calcifuga per via indiretta. In effetti, l'eccesso di ioni terminati alcalini inibisce l'azione positiva di alcuni oligoelementi, in particolare quello del ferro che è essenziale per lo sviluppo della clorofilla nelle piante e il trasporto di ossigeno nel sangue dei pesci.

- tac (titolo alcalimetrico completo) o durezza gassata. Questo componente chiamato kh (karbonathärt) in tedesco, indica la concentrazione di bicarbonati, carbonati e alcuni altri anioni. TAC è influenzato dal pH. I valori tra 2 ° e 8 ° KH sono adatti per la maggior parte dei pesci e delle piante. Un alto contenuto di bicarbonati e carbonati provoca carenze di ferro (per inibizione) e produce concrezioni sulle finestre dell'acquario e sulle foglie di piante a crescita lenta.

corrispondenza dei titoli idrotimetrici e alcalimetrici: 1 ° francese = 0,56 ° tedesco.

- nitrati . Provenienti dal degrado della materia organica, i nitrati costituiscono l'ultima fase di trasformazione del ciclo di azoto. Anche con filtri molto buoni, i nitrati si accumulano solo in acqua a una soglia di intolleranza. Un contenuto superiore a 150 mg/L nell'acqua dell'acquario costituisce un pericolo per la fauna. È bene sapere che le piante consumano parte dei nitrati (assimilazione). Questa propensione nitrofile delle piante acquatiche giustifica la loro utilità nell'acquario.

- ph (potenziale idrogeno). Il pH corrisponde all'acidità o all'alcalinità dell'acqua. L'acidità determina una concentrazione significativa di ioni idrogeno liberi e l'alcalinità si manifesta con una diminuzione della concentrazione di questi ioni. I valori acidi vanno da 1 a 6, il valore 7 determina la neutralità e l'alcalinità è compresa 8 (ad eccezione di alcuni pesci d'acqua duri e alcalini). I cambiamenti nei valori di pH possono avere un impatto sulla stabilità di alcuni materiali disciolti nell'acqua (in particolare i materiali azotati) e sono decisivi per la vita degli organismi inferiori.

- anidride carbonica (anidride carbonica) o CO2 . L'anidride carbonica è prodotta dalla respirazione di pesci e piante (durante la notte) e da alcune fermentazioni. Questo è un elemento essenziale per la fotosintesi delle piante (durante la loro illuminazione). Un contenuto minimo di circa 5 mg/L di CO2 si dissolve in acqua è essenziale per l'equilibrio biologico dell'acquario, mentre il contenuto maggiore di 80 mg/L può essere dannoso per la fauna.

- Il rh è meglio conosciuto in base ai termini di: potenziale di ossiodordalità, sistema di ossiodordalità, valore redox . È un fattore abbastanza complesso, difficile da capire per il dilettante, ma di primordiale importanza per gli organismi acquatici, in modo che non possa essere ignorato. L'acqua dell'acquario contiene due categorie di corpi chimici: ossidanti che rilasciano ossigeno e riduttori che consumano ossigeno. Affinché l'ambiente acquoso sia praticabile (biotico), questi corpi devono agire di concerto per dare una tendenza ossidante. Questo sistema di ossigenuction può evolversi in modi diversi a seconda dell'intervento di altri fattori (pH, concentrazione ionica, temperatura, ecc.).

La maggior parte dei componenti fisico-chimici studiati in questo capitolo può essere rilevata e misurata usando test colorimetrici il cui uso è estremamente semplicità.

Scegliere i criteri

Come abbiamo visto, la qualità delle acque è di fondamentale importanza durante il mantenimento e l'allevamento di pesci esotici. Il primo problema che si presenta nell'acquariofilo sta nella scelta e nell'origine dell'acqua che deve riempire il suo cestino e corrispondere ai requisiti specifici di pesci e piante in suo possesso. Logicamente, sarebbe auspicabile per l'Acquariofilo sapere prima di tutto le caratteristiche fisico -chimiche dell'acqua che può avere in abbondanza (dieta urbana, fontana, fonte, ecc.) E che sceglie il suo pesce in base a questa disponibilità. Sfortunatamente questo processo non viene utilizzato e l'acquariofilo è spesso costretto a cercare acqua universale per riempire la sua comunità BAC. Nel caso dell'installazione di un baccalaureato geografico, il problema è arduo perché dovrà portare l'acqua che risponde a determinate caratteristiche.

Per quanto riguarda la qualità dell'acqua, si può dire che in linea di principio l'acqua sotterranea è naturalmente pura mentre un'acqua superficiale è molto spesso inquinata.

Il trattamento dell'acqua per l'acquario mira principalmente a ridurre la mineralizzazione quando la durezza è eccessiva. A questo proposito, la tabella seguente fornisce un'idea delle relazioni sulla durezza dell'acqua (calcolata in gradi idrotimetrici francesi).

  • da 0 a 5 °: acqua molto morbida
  • da 6 a 10 °: acqua dolce
  • da 11 a 15 °: acqua moderatamente dura
  • da 16 a 20 °: acqua dura
  • da 21 a 40 °: acqua molto dura
  • 41 a 60 °: da evitare in acquarophilia

Molti pesci d'acquario, in particolare Characidae, richiedono piccole acque mineralizzate. La soluzione semplice e pratica per demineralizzare l'acqua dura richiede l'uso di un demineratore a letto in resina misto.

Questo dispositivo è anche chiamato: bipermutatore. Il funzionamento del demineralizer si basa sul principio degli scambi di ioni (cationi, a diari) contenuti in acqua grezza. Questi dispositivi sono venduti negli specialisti del trattamento delle acque. Il loro costo è proporzionato alla loro portata e al tasso di mineralizzazione dell'acqua da trattare.

La demineralizzazione non dovrebbe essere confusa con l'ammorbidimento. In effetti, lo ammorbidente (dispositivo non raccomandato per l'uso dell'acquariofilo) è uno scambiatore di cationi che viene rigenerato con una soluzione di cloruro di sodio. Alla fine del trattamento, tutti i sali contenuti in acqua grezza vengono trasformati in sali di sodio. Risultati: il titolo idrotimetrico di acqua trattata è zero, tuttavia il suo pH e la sua alcalinità rimangono invariati.

Al contrario, le acque a basso contenuto di mineralizzate possono essere facilmente remineralizzate. Il trattamento consiste nell'aggiungere simultaneamente all'acqua demineralizzata di bicarbonato di sodio e solfato di calcio fino a ottenere il grado idrotimetrico desiderato. Un'altra tecnica (più lenta) è di passare l'acqua demineralizzata su piccoli frammenti di marmo bianco o dolomite. Puoi ancora tagliare l'acqua demineralizzata con acqua molto dura.

Pesce d'acquario

Melanochromis johanni

Melanochromis johanni

Il corpo allungato è leggermente compresso sui lati. Il colore di base è rosso vivo. Piccole macchie di luce coprono completamente il corpo. Il miniatus cefalopholis è un pesce appartenente alla f...